Guida alla Coltivazione dei Peperoncini più Piccanti del Mondo di Carlo Martini

Guida alla Coltivazione dei Peperoncini più Piccanti del Mondo di Carlo Martini

Il Peperoncino veniva usato come Alimento fin da tempi lontanissimi, dalla testimonianza di alcuni reperti archeologici sappiamo che fosse già conosciuto nel 5.500 a.C. in Messico. Venne portato in Europa da Cristoforo Colombo durante il suo secondo viaggio nelle Americhe nel 1493, ci sono state molte discussioni su quale Peperoncino abbia riportato, c’è chi è convinto che fosse un Capsicum Chinense per cui molto probabilmente sarebbe stato un Habanero Orange, la varietà di Habanero più antica, mentre c’è chi è convinto che fosse un Capsicum Annuum, in tal caso sarebbe stato sicuramente un Jalapeno, il più antico dei Peperoncini, infatti pare che abbia più di 2.000 anni. Appena introdotto in Europa dagli Spagnoli ebbe un grande successo, ma i guadagni furono deludenti poiché la pianta si diffuse molto bene in tutta l’Europa Meridionale, Africa e Cina, divenendo la mitica “Spezia del Popolo” poiché al contrario delle altre spezie, come la Cannella e la Noce Moscata, essendo facilmente riproducibile, era quella che costava di meno e quindi abbordabile anche dai non ricchi.

 

La Classifica dei Peperoncini più Piccanti del Mondo è data dalla Scala di Scoville, il cui valore espresso in SHU (Scoville Heat Units), determina la Piccantezza di un Peperoncino, per farvi un paragone considerate che il classico Peperoncino Cayenna Rosso, che potete trovare in qualsiasi Supermercato, arriva al massimo a 30.000 SHU, mentre il Carolina Reaper Red, il Peperoncino più Piccante del Mondo raggiunge addirittura i 2.200.000 Shu. Tenete sempre a portata di mano la seguente TABELLA DEI PEPERONCINI DI TUTTO IL MONDO da me redatta ed aggiornata a Dicembre 2021: vi è riportata la posizione in Classifica dei Peperoncini Ufficiali, per cui il Dragon Breath e il Pepper X, che finchè non vengono riconosciuti dal Guinnes dei Primati per me restano bufale, stanno fuori; la Piccantezza in SHU; la Provenienza; la Temperatura minima e massima per Germinare ed i Giorni necessari per la Germinazione, il dato della Temperatura minima da rispettare è ESTREMAMENTE IMPORTANTE in fase di Semina e in linea di massima deve essere ALMENO 22 GRADI COSTANTI PER I CAPSICUM CHINENSE E ALMENO 18 GRADI PER I CAPSICUM ANNUUM, FRUTESCENS, BACCATUM E PUBESCENS, da ricordare anche la FONDAMENTALE UMIDITA' che deve essere fra 80 e 99%, valore facilmente ottenibile mettendo una pellicola di nylon, come quella da cucina, sui vasetti.

 

La Temperatura della Tabella è espressa in Gradi Celsius e come termine oltre il quale non vale la pena aspettare la germinazione di un Seme diciamo 30 Giorni, dopo meglio ripartire da capo, con un nuovo vasetto, nuovo terriccio e temperatura diversa. I Peperoncini in cui non viene indicato un colore diverso si considerano generalmente Rossi, rientrano nella Classifica i vari colori di ogni singola varietà, anche se il gusto sarà diverso, per esempio i valori del Carolina Reaper si suppongono essere simili per la variante Red, Yellow, Chocolate e Caramel, in realtà oltre al Sapore l'unico dato che può cambiare un pò sono gli Shu, tendenzialmente le varianti Rosse e Chocolate sono più Piccanti, quindi hanno un valore Shu più alto, delle varianti più chiare come Giallo, Bianco o Caramel per cui considerate di aggiungere sempre "circa" ai valori espressi in Shu.

 

TABELLA DEI PEPERONCINI DI TUTTO IL MONDO BASATA SULLA SCALA DI SCOVILLE A DICEMBRE 2021:

NOME - SemiStrani.it PICCANTEZZA PROVENIENZA GERMINAZIONE GIORNI 
1) Carolina Reaper (C. Chinense) 2.200.000 Shu Usa 22° x 26° Gradi 08 x 30 Giorni
2) Trinidad Moruga Scorpion (C. Chinense) 2.000.000 Shu Trinidad & Tobago 22° x 26° Gradi 08 x 30 Giorni
3) Reaper Moruga, Jay Ghost, Bhutlah, Borg 9 (C. Chinense) 1.800.000 Shu Usa, Caraibi 22° x 26° Gradi 08 x 30 Giorni
4) Douglah, Primo, Sepia Serpent (C. Chinense) 1.800.000 Shu Usa, Caraibi 22° x 26° Gradi 08 x 30 Giorni
5) Bhut Jolokia (C. Chinense x Frutescens) 1.000.000 Shu India, Bangladesh 22° x 26° Gradi 08 x 30 Giorni
6) Trinidad Butch Taylor, Big Mama, T-Rex (C. Chinense) 1.000.000 Shu Usa 22° x 26° Gradi 08 x 30 Giorni
7) Naga Morich, 7 Pot vari, Bubblegum vari (C. Chinense) 600 / 800.000 Shu India, Usa 22° x 26° Gradi 08 x 30 Giorni
8) Lemon Reaper, Habanero Red Savina, Habalokia (C. Chinense) 500 / 600.000 Shu Italia, Messico  22° x 26° Gradi 08 x 30 Giorni
9) Habanero vari, Tiger, Fatalii, Puma, Leopard (C. Chinense) 300.000 Shu Messico, Usa, 22° x 26° Gradi 08 x 30 Giorni
10) Jamaican, Mushroom, Goronong, Scotch Bonnet, Cheiro (C. Chinense) 200.000 Shu Jamaica, Malesia, Usa 22° x 26° Gradi 08 - 30 Giorni
11) Piri Piri African Devil (C. Frutescens) 150.000 Shu Uganda 20° x 26° Gradi 06 - 30 Giorni
12) Tabasco (C. Frutescens) e Chupetinho (C. Chinense) 30 / 50.000 Shu Messico 20° x 26° Gradi 06 - 30 Giorni
13) Diavolicchio Calabrese e Acratà El Viagra Natural (C. Annuum) 30 / 50.000 Shu Italia e Venezuela 18° / 24° Gradi 06 - 30 Giorni
14) Cayenna, Peter Pepper, Cedrino, Serrano (C. Annuum) 20 / 30.000 Shu Mediterraneo 18° / 24° Gradi 06 - 30 Giorni
14) Cherry Bomb, Calabrese Da Ripieno, Bacio di Satana, Jalapeno (C. Annuum) 5 / 15.000 Shu Italia, Messico 18° / 24° Gradi 06 - 30 Giorni
15) Ancho Poblano, Mulato, Pasilla Bajo, Chilhuacle (C. Annuum) 1 / 2.000 Shu Messico 18° / 24° Gradi 06 - 30 Giorni


LA SEMINA

Tutte i Peperoncini classificati come Super Hot sono dei Capsicum Chinense e sono piante di origine Caraibica / Tropicale, abituate a nascere e vivere in luoghi dove è caldo tutto l'anno, hanno una Germinazione ed una crescita lenta, visto che non sono obbligati dalla Natura a fruttificare velocemente a causa dell'arrivo dell'inverno, come i Peperoncini a cui siamo abituati noi come il classico Cayenna, che sono dei Capsicum Annuum. Una volta nate sono tutte piante di facile gestione, la cosa un pò più complicata, specialmente per i Principianti, è appunto la fase di Germinazione, cioè quella in cui si passa dal Seme alla Piantina. In caso di difficoltà potrete sempre aprire un post, o meglio ancora consultare quelli vecchi, nel nostro mitico Gruppo Facebook: Semi Strani di Carlo Martini su Facebook

Piantate i Vostri Semi durante i mesi di Gennaio, Febbraio, Marzo e/o Aprile, se non si ha la possibilità di piantare in questo periodo potrete comunque seminare fino a Giugno anche se, da Maggio in poi, sarà molto probabile che la fruttificazione la otteniate l'estate dell'anno successivo. Le piante di Peperoncino più Piccanti (Capsicum Chinense), se trattate come Vi spiegherò più avanti, vivranno per 5 o 6 anni e non solo per uno o due anni come i nostri Peperoncini (Capsicum Annuum). 

Cominciamo a fare sul serio! Prendiamo come esempio il Peperoncino più Piccante del Mondo, entrato nel Guinness dei Primati a Dicembre 2013, il mitico Carolina Reaper: come vedete dalla Tabella i Semi germoglieranno ad una temperatura di almeno 22 Gradi Celsius Costanti, è molto importante sottolineare il concetto di TEMPERATURA COSTANTE DI ALMENO 22 GRADI, significa che 24 ore su 24 la temperatura deve essere sempre quella !

Qui viene la difficoltà principale: creare un ambiente cosi caldo nel mese di Gennaio, Febbraio, Marzo o Aprile. Il mio consiglio è quello di comprare una Grow Box o Miniserra con tanto di Tappetino Riscaldante, Semenzaio, Terriccio per la Semina e Termometro / Igometro. La Grow Box crea un piccolo ambiente, un microcosmo caldo e umido, con questo caldo che io suggerisco di mantenere fra i 22 ed i 24 gradi, temperatura ideale per tutti i tipi di Peperoncino, nè un grado di più nè un grado di meno, si ha la certezza che i Semi germoglino e che lo facciano più celermente. Nel caso non vogliate comprare una Grow Box piantate i Vostri Semi in qualche Vasettino, grande come un bicchierino da caffè, e poneteli con la pellicola di nylon, sopra un modem o un decoder, quel caldo costante sarà perfetto per far Germogliare i Vostri Semi, come vedete nella seguente foto e come spiego in questi miei video:

Come Seminare i Semi di Peperoncino: Terriccio, Filo Riscaldante, Umidità e Temperatura

Come Seminare il Peperoncino suggerimenti ed attrezzi utili di Semi Strani di Carlo Martini

Vorrei sottolineare il fatto che qualsiasi info, video e foto Voi vediate qua deve servirvi da ispirazione per la Vostra situazione, il Vostro spazio e tempo, dovete quindi ispirarvi per adattare il tutto: se non volete comprare una grow box per i più svariati motivi potete crearvene una con una semplice scatola di plastica comprata al negozio cinese, oppure adattare un vecchio acquario o un piccolo armadio, ciò a cui vi voglio spingere, perchè parte integrante se non fondamentale di tutto il divertimento... è proprio re inventare una situazione adatta a tutte le Vostre caratteristiche e peculiarità date dal Vostro budget, il Vostro spazio e sopratutto il tempo che potete dedicarci.

 

Semenzaio_con_pellicola_nylon_Cristian_Gozzi
Foto di Cristian Gozzi


Ci sono vari tipi di Capsicum con peculiarità diverse ma i principali sono cinque. Il Capsicum Chinense a cui appartengono tutti i super hot come Carolina Reaper, Trinidad Scorpion Moruga, T-Rex, Moruga Brain, Naga Morich, Bhut Jolokia, Habanero Red Savina e via discorrendo che sono piante caraibiche e le meno facili da far germogliare, ma sono anche quelle che possono campare fino a 5 o 6 anni, mentre i Peperoncini abituati al clima mediterraneo sono di solito i Capsicum Annuum come il Cayenna, il Diavolicchio Calabrese e via discorrendo che sono molto meno piccanti, sono più facili da far germogliare ma non campano più di due anni. Inoltre i Chinense impiegano 5 o 6 mesi per andare dal Seme al Frutto, hanno inizialmente una crescita molto lenta ed è il motivo per cui si piantano per primi.

Ricordiamo che per arrivare alla FONDAMENTALE UMIDITA' DEL 90% / 99% PER FAR GERMOGLIARE I SEMI basta mettere una pellicola di nyon sopra il semenzaio o vasetto come si vede nella foto e video precendenti.

Questo è ciò che c’è da sapere a seconda del Capsicum che si pianta:
  • CAPSICUM CHINENSE: si Piantano da Gennaio a Marzo, la temperatura minima deve essere 22 gradi, la massima non deve superare i 28 gradi, l’umidità intorno al 90%, tempo per germinare da una settimana a un mese
  • CAPSICUM ANNUUM: si Piantano da Febbraio ad Aprile, la temperatura minima deve essere superiore ai 18 gradi e non superare i 26 gradi, l’umidità sempre al 90%, questo è il dato che non cambia mai, tempo per germinare da 5 giorni a 20 giorni
  • CAPSICUM BACCATUM: si piantano da Febbraio ad Aprile, temperatura minima 20 gradi, non superare i 26 gradi, umidità al 90%, per germinare impiegano da una a tre settimane
  • CAPSICUM PUBESCENS: si piantano da gennaio ad aprile, si tratta dei mitici Rocoto i Peperoncini delle Ande dai Semi Neri, spesso generano difficoltà nella germinazione, a me personalmente mai, semplicemente li metto nell’angolo meno caldo della grow box e non sopra la fonte di calore tipo tappetino o filo riscaldante, questi sono i peperoncini che meglio tollerano il freddo e quindi al contrario di quelli caraibici amano l’ombra, la coltivazione in collina e le temperature fresche. Sono molto lenti nelle fasi iniziali quindi di solito li pianto per primi, temperatura minima 16 gradi e non superiore ai 22 gradi, umidità al 90%, impiegano da una settimana a 4 settimane per germinare.
  • CAPSICUM FRUTESCENS: si piantano da febbraio ad aprile, a questa categoria appartengono il Tabasco, il Malagueta e il Piri Piri African Devil, temperatura fra i 20 ed 26 gradi max, umidità sempre al 90% circa ed impiegano da una a 3 settimane a germogliare


Inoltre linko questo video in cui faccio vedere come la temperatura della grow box possa essere diversa da quella effettiva del Seme nel terriccio sotto la pellicola di nylon, dategli un’occhiata perché ci sono varie dritte: Video su Temperatura e Umidità nella Coltivazione di tutti i tipi di Peperoncino - SemiStrani.it

 

Se avete intenzione di piantare molti Semi allora avrete bisogno di un Semenzaio, vi do queste due alternative:

Una volta che avete deciso quale Semenzaio fa per Voi, visto che i Semi sapete già dove comprarli e cioè da SemiStrani.it ah ah ah vi manca solo il terriccio per iniziare, potete trovarlo qua: Terricci da Semina per Ortaggi

 

Quando seminerete ricordatevi di questi punti fondamentali già affrontati varie volte:

  • La temperatura per stare sicuri che germogli qualsiasi Seme di Peperoncino deve stare fra i 22 ed i 24 gradi costanti
  • L’umidità deve stare introno al 90%, cosa ottenibile mettendo una pellicola di nylon da cucina sopra il semenzaio


Ma passiamo finalmente alla Pratica! Prendete i Vostri Semi e metteteli in un bicchiere di acqua, o meglio ancora di Camomilla, considerate due bustine di Camomilla per l'equivalente di un bicchiere d'acqua, per le 48 - 72 ore precedenti alla Semina, cosi facendo farete capire al Seme che è giunto il momento di Germogliare e ammorbiderete il Tegumento, nel caso scegliate l'opzione Camomilla va da se che deve essere fredda e non calda altrimenti brucerete i Semi. Dopo l'ammollo prendete il Vostro Semenzaio o Vaso o Bicchiere di Plastica e riempitelo di Terriccio da Semina. Dovete essere assolutamente certi che nel Terriccio che utilizzerete non ci sia alcuna traccia di Fertilizzante, deve essere quindi Light, altrimenti rischierete di bruciare i Semi. E MI RACCOMANDO, visto che ormai sono esperto di tutti gli errori classici da Principiante, non usate i Terricci dei Supermercati che sono pieni di segatura, nè usate un Terriccio preso dal giardino o dalla campagna poichè sarà pieno di funghi e/o altro genere di parassiti e patogeni che creeranno solo danni, quindi RIPETO compratevi un bel sacco di Terriccio da Semina per Ortaggi e non correrete rischi.

Prendete il Vostro Semenzaio e/o Bicchierini con il fondo bucato e riempiteli di Terriccio fino a un cm dalla cima, con una penna praticate un buchino alla superficie del terriccio profondo mezzo cm circa, spruzzateci un pò d'acqua, possibilmente tiepida e adagiateci un Seme tirandolo fuori direttamente dal bagno maria che avete fatto per le 48 - 72 ore precedenti in acqua o Camomilla, ricopritelo delicatamente di terra e poi tappate il bicchierino con la pellicola di nylon da cucina, per avere una umidità che oscilli fra l'80% e il 99%, a questo punto mettete il vasetto nella Vostra Grow Box o sopra un Decoder, Modem oppure sopra il Vostro Tappetino Riscaldante, potete anche crearvi una miniserra rudimentale con una scatola di plastica e un tappetino riscaldante. Un errore classico è mettere il Semenzaio o i Vasetti sopra a un termosifone, NON FATELO, bollirete i Semi. Un altro errore classico è piantarli in un vaso ed esporli alla luce diretta del Sole, NON FATELO, brucerete i Semi, che dovrete mettere al buio o in penombra.

Il punto critico per i Principianti è sempre la Temperatura e l'Umidità, che RIPETO FINO ALLA NOIA dovrà essere di minimo 22 Gradi Celsius COSTANTI per i Capsicum Chinense e di minimo 18 Gradi Celsius Costanti per tutti gli altri, mentre l'Umidità dovrà essere di almeno l'80%. Un altro aspetto FONDAMENTALE è la COSTANZA della Temperatura, una "Temperatura Costante di almeno 22 gradi" significa che deve essere almeno a 22 gradi SEMPRE, COSTANTEMENTE 24 ore su 24, lo so che la maggior parte di voi riderà a sentirmi dire cosa significa COSTANTE, ma non avete idea di quante volte mi hanno detto "Guarda i Semi non mi sono nati eppure ho seguito le indicazioni della Guida alla LETTERA e mi ha aiutato mio zio/padre/nonno che è tutta la vita che fa il Contadino, ma niente non è nato niente" e io rispondo "Ok senti a quanti gradi erano i Vasetti?" risposta, "eh di giorno sui 20-25 gradi" e io "si ma di notte?" risposta "eh di notte sui 10 gradi" mia risposta "sai cosa significa temperatura costante di almeno 22 gradi?" risposta "eh si ma come faccio non siamo mica d'estate" ... questo genere di conversazione con diverse varianti me lo sono sentito fare decine di volte, ho anche sentito uno lamentarsi perchè non gli erano nati i Semi di super hot piantati in serra fredda a febbraio, sostenendo che i suoi semi di Peperoncino Calabrese però sono sempre nati cosi... se te ne intendi un minimo, ma se stai leggendo questa Guida forse no, a questo punto dovresti scoppiare in una fragorosa risata... questi Personaggi sono poi quelli che mi vanno a mettere il feedback negativo su Amazon dicendo che i Semi non erano buoni, in realtà e lo so bene perchè controllo i Semi uno ad uno personalmente, TUTTI I MIEI SEMI SONO VITALI AL 100%, se non germogliano è perchè c'è un errore strutturale nella Semina, SEMPRE riconducibile alla Temperatura o all'Umidità.

Ma torniamo alla Pratica: una volta che avrete preparato i Vostri vasetti o Semenzaio date una ultima spruzzatina di acqua e coprite con la pellicola di nylon, a questo punto mettete il tutto sopra la vostra fonte di CALORE COSTANTE sia essa nella Grow Box, Tappetino Riscaldante, Modem o Decoder e non toccate niente per 3 o 4 giorni, dopodichè alzate la pellicola e spruzzate un pò d'acqua, attenzione a non esagerare, il terriccio dovrà essere umido ma MAI fradicio e se ci sarà un pò di condensa sulla pellicola di nylon è un segno buono. Ricoprite nuovamente con la pellicola e lasciate tutto li, sempre alla COSTANTE TEMPERATURA di almeno 22 Gradi per altri 3 o 4 giorni e se avrete fatto tutto bene inizierete a vedere spuntare le Vostre amate piantine di Peperoncino Super Hot! Non è una Gioia enorme? Ovviamente appena la piantina è germinata togliete la pellicola di nylon.


LA FASE VEGETATIVA

La Fase Vegetativa è il momento che va dalla Germinazione alla nascita dei primi fiori, quindi alla Fruttificazione. In questo periodo che va piu o meno dalla primavera fino a Giugno, dovrete trapiantare la Piantina di Peperoncino dal Vasetto iniziale in cui è nato il Seme in un Vaso più grande, del diametro di circa 10 Cm per un'altezzza di circa 10 Cm. Rimuovete con estrema delicatezza la Piantina dal vasetto precedente, possibilmente lasciando la terra che ha intorno alle radici INTATTA e ponetela a dimora nel nuovo Vasetto. Nel nuovo Vasetto dovrete fare una miscela di Terriccio universale, Pietra pomice e possibilmente, ma non è obbligatorio, Leonardite, che non è altro che "merda in polvere" ovviamente bio e Agriperlite per il drenaggio e trattenere l'umidità.

Quanto alla Fertilizzazione consiglio qualcosa di Bio come Chili Focus o Bio Grow Biobizz, tratto ogni singolo argomento in maniera specifica nelle varie Guide alla Coltivazione. Iniziate a darlo quando la piantina ha la quarta foglia nel quantitativo di 1 ml per litro d'acqua una volta a settimana e continuate ad aumentare la dose, fino a 5 ml di Fertilizzante Bio, per litro d'acqua, quando la pianta sarà ormai adulta fino a un massimo di 10 ml per litro d'acqua quando la pianta sarà in fioritura, ovviamente sull'etichetta c'è scritto di fare 5ml per litro d'acqua perchè è il dosaggio per una pianta adulta, voi date retta a me ed iniziate dalla quarta foglia dando un solo ml per litro d'acqua. Nei Fertilizzanti Bio prima indicati c'è tutto ciò di cui ha bsiogno una pianta di Peperoncino e ricordatevi che una pianta in vaso senza fertilizzante non trova, ovviamente, i nutrienti che troverebbe se fosse nell'Orto perchè tutto il suo microcosmo è il Vaso, quindi senza fertilizzante ingiallirà e non crescerà, quindi è fondamentale e solo Voi gli date da mangiare, Voi siete il "dio della Vostra pianta di Peperoncino".

Ecco un mio Video in cui Vi mostro come Trapiantare le Piantine di Peperoncino, sopratutto quando sono tante e tutte vicine, in quest'altro video invece vi mostro cosa fare quando "filano": Cosa fare quando le Piantine di Peperoncino si allungano troppo, in gergo "filano".

Di solito i passaggi in Vaso sono 2 o 3, si parte dal Semenzaio o Vasetto iniziale, grande al massimo come un bicchiere di plastica, poi si passa al vaso intermedio che va dai 10 ai 15 cm di diametro, di solito porta da mezzo litro a un litro di terriccio, a quel punto quando il vaso intermedio è pieno di radici e quindi è pronto per il travaso definitivo, di solito fra la fine di aprile e la fine di maggio, si potrà decidere di mettere la Pianta di Peperoncino nell'Orto, quindi in terra piena oppure se metterla nel Vaso definitivo, che dovrà essere di almeno 7 o 8 Litri per i Capsicum Chinense e Capiscum Baccatum (quello ottimale è da 20 / 25 Litri, ma io personalmente ho ottenuto discreti risultati anche con vasi da 3 Litri, se ahime non si ha spazio) e Vasi da almeno 5 Litri per Capsicum Annuum, Pubescens e Frutescens (per loro il vaso ottimale sarebbe 12 - 15 Litri).


Ricordati che:

- Tutte le Piante di Peperoncino sotto i 10 Gradi muoiono, quindi quando sarai nella fase in cui di giorno è caldo e la notte è freddo, farai bene ad esporre al Sole le piantine di mattina e riportarle in casa al caldo la sera, questo di solito fra marzo e maggio. Potrai tenere le Piante fuori tutto il giorno a partire da Maggio inoltrato.

- Tutte le Piante di Peperoncino sotto i 20 Gradi non crescono, è per loro FONDAMENTALE il Sole, senza Sole non c'è Vita, una volta adulta la situazione ideale sarebbe esporle al Sole dall'alba al tramonto, se ciò non è possibile ed hai i Tuoi Vasi sul Terrazzo assicurati che stiano al Sole per almeno mezza giornata altrimenti, come detto, non cresceranno.

- Esporre le Piante di Peperoncino al Sole il più possibile MA fare molta attenzione ad abituarle gradulamente per non rischiare di bruciarle sopratutto se sono ancora piccole. Devi fare molta attenzione i primi giorni in cui c'è Sole pieno, di solito da metà marzo in poi, inizia ad abituare le piantine mettendole fuori ma all'ombra, per esempio sotto a un albero o sotto un tavolo, questo per qualche giorno, poi inizia lasciando la piantina al Sole diretto per una mezz'ora e guarda come reagisce, quando sarà grande e abituata dovrai lasciarla al Sole il piu possibile, ricorda che piu il vaso è piccolo e più il sol leone sarà una potenziale arma letale. Per capire bene questo concetto guardate il mio seguente video: Come abituare gradulamente le Piante di Peperoncino al Sole: la Regola dei 4 giorni

- Quando annaffiate le piante fatelo dando l'acqua direttamente alla base del fusto e MAI nebulizzando sulle foglie, i Peperoncini detestano avere le foglie bagnate, sopratutto se c'è il Sole. L'unico caso in cui si nebulizza è quando si da il Ramato o qualsiasi altro anti fungiceno. Guardate questo mio Video su questo argomento: Come e Quando annaffiare i Peperoncini

- Evitate di annaffiare troppo, ricordate che i Super Hot sono abituati a stare in condizioni molto calde e con terricci sabbiosi, se annaffierete troppo le foglie diventeranno biancastre e le piantine moriranno per affogamento, lasciate che il terriccio si asciughi e lasciate in quella situazione per uno o due giorni e poi annaffiate nuovamente. Ovviamente più il vaso è piccolo e piu il terriccio si seccherà celermente, specialmente se esposto al Sole, quindi sta a voi capire nella Vostra particolare situazione ogni quando annaffiare, in questo gioca un ruolo determinante l'esperienza.

Nel caso decidiate di dare una botta di chimica alle piante usate un Fertilizzante con NPK 20-20-20 come Asso Fiori della Cifo dandolo uno o due giorni prima della Luna Piena perchè quello è il momento che crescono di più, un massimo di 4 o 5 volte a stagione. Ricordatevi di dare un antifuncigeno come il Ramato per 4 o 5 volte a stagione subito dopo la pioggia per proteggere le piante dalle malattie delle foglie.

Infine l'ultimo argomento da trattare è la difesa dagli odiati Afidi, comunemente detti pidocchi, anche qui ci sono varie scuole di pensiero, quella giustamente Bio, che usa l' Olio di Neem + Sapone Molle di Potassio o soluzioni con Sapone di Marsiglia ed Aglio, questo sopratutto in fase preventiva, oppure quella che usa la chimica, decisamente più facile da gestire, se avete una pianta attaccata fortemente dagli afidi e vorrete salvarla ahime non vi resterà che usare un insetticida chimico come il Decis.

Guardate il mio seguente Video per difendere le piante di Peperoncini in modo bio da Insetti e Malattie delle foglie: Olio di Neem + Sapone Molle di Potassio, Trattamento Bio contro Afidi e Funghi per tutte le piante da orto

Ripeto che tratto ogni singolo argomento riguardo ogni singolo aspetto come Grow Box, Tappeto Riscaldante, Fertilizzanti Bio e Chimici, Terriccio, Malattie delle foglie e Anti funghicidi, Afidi e Rimedi Bio e Chimici in tutte le altre Guide alla Coltivazione.


LA FIORITURA e LA RACCOLTA DEI PEPERONCINI

Siamo più o meno nel periodo che va da Maggio a Giugno ed i primi fiori cominciano a sbocciare sulle nostre belle Piante di Peperoncino. E' una bella soddisfazione vero? Bene! In questa fase vi dovrete solo ricordare di annaffiare, non troppo, le Vostre piante, nel caso in cui alcuni fiori cadessero senza allegare è normale, si chiama Cascola, vedrete che col primo vero caldo la situazione migliorerà, altrimenti chiedete consigli nel gruppo Facebook. 

Verso luglio i Peperoncini prenderanno forma e appena avranno cambiato colore saranno pronti per essere colti e mangiati, di solito questo avviene fra agosto ed ottobre, la fruttificazione potrebbe arrivare a seconda di dove vivete fino a novembre inoltrato.

Adesso dopo tanta fatica siete arrivati al punto di avere tanti Peperoncini e cosa farne? Potete fare l'Olio Piccante, Polveri Piccanti, Paste di ogni tipo, Salse Piccanti, Peperoncini Ripieni e cosi via... date un'occhiata alla Pagina delle Ricette Piccanti. Inoltre guardate il mio Video: Come fare una bottiglia di Olio super Piccante

 

COSA FARE CON LE PIANTE DOPO AVER RACCOLTO I PEPERONCINI 

Queste Piante di Peperoncino (Capsicum Chinense) sono piante tropicali, vivono per 5 o 6 anni se trattate adeguatamente. Nel loro ambiente naturale, cioè dove non viene mai l'inverno, una volta che sono grandi, dopo circa 5 o 6 mesi dalla Germinazione, stando in una perenne estate continauano continuamente a fare fiori e frutti da mangiare, purtroppo da noi non è possibile perchè quando le temperature scendono sotto i 10 Gradi le piante iniziano lentamente a morire. Cosa fare quindi se vi siete affezionati alla Vostra Pianta di Peperoncino preferita? Potete provare a " svernarla " e cioè potete fare una bella potatura lasciando solo il tronco principale e qualche foglia e mettere la pianta in un vaso piu piccolo da 3 - 5 litri massimo e tenetela in casa al caldo, possibilmente vicino a una finestra esposta a sud e vedrete che verso febbraio dell'anno successivo ributterà e sarà nuovamente pronta a darvi dei bei Peperoncini, nel seguente Video vi faccio vedere come fare: Come far passare l'inverno alle Piante di Peperoncino, potatura e consigli

In alternativa, passione mia degli ultimi mesi, potrete provare a trasformare le Vostre Piante Adulte di Peperoncino in Bonsai da tenere in casa... ne parlo in questo Video: Come fare un Bonsai di una Pianta di Peperoncino

 

Saluti

Carlo Martini